Nei dintorni

Oasi WWF lago Pantano di Pignola

La riserva regionale Lago Pantano di Pignola è un'area naturale protetta istituita nel 1984 per tutelare una serie di ambienti di Flora e Fauna di alto interesse e valore naturalistico.

Occupa una superficie di 155,00 ha nella Contrada Petrucco di Pignola, in provincia di Potenza.

L'habitat della riserva permette a molte specie di mammiferi(come la volpe, la faina, la donnola), numerosi uccelli d'acqua e non( il cigno, la garzetta,il germano reale, e tanti altri).

La fauna ittica è composta prevalentemente da ciprinidi (carpe, tinche, scardole e carassi), arborelle, pesci gatto, persici, lucci, capitoni, cavedani, e blackbass.

Le specie di uccelli censite sono oltre 150 di cui molte nidificanti; sono circa 1500 le specie dell'entomofauna di cui 995 specie appartenenti a 68 famiglie di coleotteri diurni e notturni, di queste 11 sono nuove per l'Italia meridionale, 5 per l'Italia e una è risultata completamente nuova per la scienza (Tychus angelenii); oltre ad anfibi, rettili e mammiferi dei quali si conosce poco.

Molte specie rare e a rischio estinzione. La famiglia dei rapaci diurni è molto ben rappresentata nella Riserva Regionale Lago di Pignola.

Tutte le specie sia diurne (falchi, nibbi, poiane) che notturne (gufi, allocchi, barbagianni e civette) svolgono in natura un ruolo fondamentale, selezionano gli animali più anziani, malati o addirittura morti effettuando così un importante lavoro di "pulizia" dell'ambiente in cui vivono.

Si tratta di un gruppo misto di uccelli, generalmente magnifici in volo, che vivono tra i 10 ed i 30 anni a seconda della specie. Sono protetti in tutto il mondo ed il Lago di Pignola ospita uno dei CRAS (Centro Recupero Animali Selvatici della Provincia di Potenza) più attivi del sud Italia.

Le specie di uccelli più facili da osservare o di maggior interesse naturalistico sono: folaga, germano reale, svasso maggiore, tuffetto, mestolone, alzavola, picchio verde, martin pescatore, pendolino.